New York.  La ricetta per partire dall’Italia e farcela negli Stati Uniti è più chiara dagli undici piani di altezza di un ottovolante o dagli schermi di un bar dello sport virtuale. L’idea, a quanto pare, è la stessa: prendere il meglio delle due culture per coniugare efficienza organizzativa, innovazione e creatività.