Per l’Iran il 2021 è iniziato in modo burrascoso. Dopo tre anni e mezzo, l’Arabia Saudita ha teso la mano al Qatar per fare fronte unito contro Teheran; i pasdaran hanno sequestrato un cargo battente bandiera della Corea del Sud e ora chiedono i 7 miliardi di petrodollari congelati in due banche del paese asiatico per via dell’embargo americano; l’amministrazione Trump ha varato nuove sanzioni che prendono di mira l’industria dei metalli della Repubblica islamica con l’obiettivo di ridurre i proventi a disposizione di ayatollah e pasdaran.