Fonti: Bespoke Invest

Durante il rimbalzo dei corsi dal 22 gennaio al 2 di febbraio molti hanno pensato che grazie al taglio dei tassi della Federal Reserve fosse tornata “la fiducia”.


383383383
Forse, direbbe un cinico, dopo una caduta dei corsi come quella dei primi giorni di gennaio, un dieci per cento in meno, e dopo che la banca centrale aveva scelto una politica molto attiva, chi aveva guadagnato molto avendo delle “posizioni scoperte” (ossia, chi aveva venduto dei titoli presi a prestito), ha ricomprato (ossia, ha reso a chi li aveva prestati gli stessi titoli, guadagnando la differenza fra un prezzo alla vendita maggiore del prezzo al riacquisto). Hanno ragione i fiduciosi oppure i cinici? Le azioni che avevano le maggiori posizioni scoperte sono rimbalzate del 17%, quelle che ne avevano meno, di un modesto 5%. Delle volte conviene avere fiducia nei giudizi cinici.