Come mostra il grafico con gli istogrammi trimestrali del 2012-2013, l'economia dell'Euro-zona fletteva a quei tempi dell'uno per cento (linea grigia) a ragione di un andamento contrapposto: le esportazioni – la variabile esterna: gli istogrammi arancioni - crescevano, mentre le variabili legate alla domanda interna - gli investimenti, i consumi, e le variazioni di magazzino: gli altri istogrammi - flettevano. Dal 2014 crescono le variabili legate alla domanda interna, mentre è ferma la variabile esterna.

La ripresina dell'Euro-zona è finalmente trainata più dagli eventi interni che da quelli esterni. Essa è perciò meno vulnerabile ai problemi che possono sorgere nel resto del mondo.

ripresinaEZripresinaEZ

Questi sono i dati puntuali. Passando alle previsioni, abbiamo la stima della crescita di lungo termine – linea tratteggiata – quella di breve termine calcolata con le sole informazioni disponibili in ogni momento – la linea azzurra – e quella di breve termine calcolata con tutte le informazioni, anche passate, man mano che diventano disponibili – la linea rossa. La crescita ruota intorno all’uno per cento.

ripresinaEZ3ripresinaEZ3