Il debito pubblico italiano registra dei prezzi in continua flessione, così come le banche del Bel Paese. Si usa l'espressione “attacco della speculazione”. Si ritiene che la “speculazione” abbia delle informazioni e delle previsioni ignote ai comuni mortali. Sulle previsioni. Non crediamo che ci siano delle previsioni verosimili a disposizione di pochi iniziati. Se questo fosse possibile, allora avrebbe funzionato l'economia pianificata. Sulle informazioni. Quelle a nostra disposizione sono tratte dalle pubblicazioni del Fondo Monetario. Osservandole, non vediamo proprio dove siano i numeri che giustificano la forte caduta dei prezzi delle obbligazioni del Tesoro e delle azioni delle banche. Mostriamo i numeri in forma di tabella.

Il debito italiano non è messo peggio di quello di altri. Quest'anno e l'anno prossimo va in scadenza molto debito e ne viene offerto del nuovo ma in misura contenuta. Il debito italiano è detenuto dall'estero in una misura simile a quella degli altri paesi. Le banche italiane sono esposte sul debito italiano come le banche di altri paesi sul loro. Così come le banche di altri paesi sono esposte sull'Italia come nella media.

comparazione20dettagliata20dei20bilanci20pubblicicomparazione20dettagliata20dei20bilanci20pubblici

(1) http://www.imf.org/external/pubs/ft/gfsr/2011/01/pdf/text.pdf